«Il mondo è una famiglia per i migranti e i rifugiati» - Vita di Comunità - Diocesi di Anagni-Alatri

Anagni Alatri
Diocesi di Anagni-Alatri
Diocesi
-
di
i nostri social
Vai ai contenuti

Menu principale:

«Il mondo è una famiglia per i migranti e i rifugiati»

Diocesi di Anagni-Alatri
Pubblicato da in Azione Cattolica ·
Tags: AzioneCattolicaMarciadellaPaceAnagni
Oltre mille persone ad Anagni per la marcia della pace organizzata dall’Azione cattolica diocesana. Dal vescovo Lorenzo Loppa l’invito ad una vera inclusione, senza pregiudizi e paure. I ragazzi richiedenti asilo hanno raccontato le loro storie ma hanno anche ballato e cantato con i giovani provenienti da varie parrocchie della zona.


Oltre mille persone hanno partecipato sabato 27 gennaio alla Marcia della pace 2018, organizzata dall’Azione Cattolica della Diocesi di Anagni–Alatri e che ha attraversato le strade del centro storico della città di Anagni, coinvolgendo tanti altri cittadini, prima incuriositi e poi sensibilizzati.

Il filo conduttore dell’iniziativa è stato quello del tema “Migranti e rifugiati – Uomini e donne in cerca di pace” e, dopo il raduno fissato nel primo pomeriggio a Porta Cerere, i partecipanti alla marcia si sono messi in cammino, con la prima sosta in piazza Cavour; un luogo non casuale, perché si tratta della piazza principale della città dei Papi e qui i manifestanti si sono divisi in piccoli gruppi e in ognuno di questi c’era un ragazzo richiedente asilo che ha raccontato la sua storia. Storie diverse ma accomunate da un unico desiderio: la ricerca di un lavoro e dunque di una piena integrazione nel Paese che li ospita.

Nella tappa successiva, in piazza Innocenzo III, i manifestanti hanno, invece, srotolato manifesti ed esibito cartelli per spiegare il senso della marcia; anche in questa occasione, diversi ragazzi africani sono stati protagonisti e questa volta in maniera colorita, ovvero ballando al ritmo delle musiche dei Paesi di provenienza e coinvolgendo in maniera simpatica anche i ragazzi italiani provenienti da varie parrocchie della diocesi anagnina.

A questo punto la marcia ha proceduto spedita fino in Cattedrale, dove i manifestanti sono stati accolti e salutati dal vescovo di Anagni–Alatri Lorenzo Loppa. «Migranti e rifugiati, uomini e donne in cerca di pace – ha esordito il presule – è il tema della 54° giornata mondiale della pace ed è anche il tema del messaggio che papa Francesco ha rivolto a tutti i popoli della terra per il 1° gennaio 2018 ed è stato bello riprendere il tutto anche per questa marcia organizzata qui ad Anagni dall’Azione Cattolica Diocesana».

Una marcia che ha visto la partecipazione di tantissime persone, piccole e grandi, associate e non all’Azione Cattolica, ma soprattutto la presenza di tanti migranti e tanti rifugiati, specialmente quelli che sono ospitati nel “Centro piccolamisericordia” di Anagni, in quello per rifugiati di Alatri e poi tre ragazzi che sono attualmente ospitati dalla parrocchia di padre Onofrio Cannato agli Altipiani di Arcinazzo. «Faccio i miei complimenti – ha aggiunto Loppa – all’Azione cattolica per questa bella testimonianza di umanità e di vita.

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare gli immigrati e i rifugiati, sono quattro pietre miliari del nostro prenderci cura di loro, perché dobbiamo tener conto che il mondo è una grande famiglia e che i problemi degli altri sono anche problemi nostri e che noi non siamo assicurati da tutti gli infortuni della vita. Per il momento siamo più fortunati dei rifugiati, però quello che serve a loro in questo momento potrebbe servire anche a noi un domani, quindi invito tutti ad allargare il cuore, invito soprattutto gli adulti ad impegnarsi per l’educazione di adolescenti e ragazzi, perché anche se un mondo senza immigrazione sarà impossibile da realizzare, ritengo che almeno è possibile realizzare un mondo in cui l’emigrazione non sia un grande problema come oggi che invece è divenuto una catastrofe umanitaria. Ma questo sarà possibile solo se tutti quanti saremo misericordiosi verso gli altri».

Prima di concludere, il vescovo Loppa ha anche invitato a stigmatizzare qualsiasi parvenza di paura «per la presenza di tanti fratelli e sorelle migranti da cui invece si può ricevere tanto».



Nessun commento

Articoli per mese
Tag
Ritiro Etiopia 75 XIII Giorgio Spirituali Agostino della Sanctis Bullismo Giovani Istituto Venerdì Apertura Fraternità Adoratrici Rossa Vocazionale Annuario Concorso Osservatorio Azione Fatima Teologico Nazionale Via Beato Presepe Leoniano Donna Policoro Ecumenismo Argentina Insiele WeCa Pitocchi Educazione Confraterite Riposo Missionaria Belloli Operatori Rose Onlus Tagliaferri Vita Damiano Lorenzo Ufficio Facchini Esercizi Casa Catechesi Comunicazioni Unesco Alatri Torre Sociali Lourdes Fiuggi Francesco Avoli Ricordo Pellegrinaggio Apparizione Anziani Clarisse Cammino Cattolica Religione Madoona Pellegrinaggi Milani Cultura Collepardo Don Piglio Presepi Tecchiena Famiglia Terremoto Anniversario Unitalsi Anno Papa Chiesa Crismale Stranieri Spirituale Ruanda Scolastica Trinità Radio Pietà anni Pastorale Studenti Carlotta Vescovo Conti Pace Pellegrino Migranti nel Parrochie vita S.Sisto Missione Memoria Mostra Parrocchie Cripta Oratorio Diocesani Sito Marcia Civile Leone San Lazio Trunità Trivigliano Servizio Polizia In Sisto Santo Professione Arte Compagnie Uffici Peregrinatio Croce De Fidanzati Auguri Ragazzi Eremita Caritas Video Missioni Passione Cristo Diocesi Comunità Insegnanti Santucci Catechisti Programmazione Morolo InDialogo Elezioni Unità Anagni Vallepietra Monasteri Adorazione Lavoro Veglia Francescana Ludovici Loppa Convegno Integrazione Crucis Messa Filettino Suor Diocesano Formazione Solenne Seminario Crocifisso Pasqua Madonna Confraternite Giornata Clausura Religiose Santiago Vivente Inizio Rita Ospedale Suore Pietro Animatori Natale Consiglio Cattedrale Lisi Monache Messaggio Trevi Quaresima Santuario Donum Avvenire Gismondi Lettera Scuola IRC Festa Carpineto Lavori Carità Dialogo Pastorali Estate Trisulti Uno Fidei Vico Parrocchia Celestino Andrea Vocazioni
a cura dell'Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali
Torna ai contenuti | Torna al menu