L’integrazione dei migranti è una «missione possibile» - Vita di Comunità - Diocesi di Anagni-Alatri

Anagni Alatri
Diocesi di Anagni-Alatri
Diocesi
-
di
i nostri social
Vai ai contenuti

Menu principale:

L’integrazione dei migranti è una «missione possibile»

Diocesi di Anagni-Alatri
Pubblicato da in Territorio ·
Tags: MigrantiIntegrazioneVicoLazio
Un anno di presenza a Vico nel Lazio: è questo il compleanno che hanno appena festeggiato i 24 richiedenti asilo ospitati in paese, oramai di famiglia per gli abitanti del piccolo borgo ernico. Si tratta di giovani di età compresa tra i 18 e 30 anni, provenienti da Somalia, Guinea, Nigeria, Ghana e Mali e tutti richiedenti asilo politico. E dire che un anno fa la notizia dell’arrivo di questi ospiti non era stata presa benissimo da tutti gli abitanti di Vico, che avevano subito indetto una riunione pubblica. C’era stato anche un sit–in di protesta davanti al Centro di accoglienza e, di contro, un presidio pacifico di solidarietà nei confronti dei profughi. Vico iniziava dunque ad esprimere autentica solidarietà. Il sindaco Claudio Guerriero si è poi fatto interprete di tutte le istanze, affermando che l’amministrazione avrebbe fatto la propria parte rispettando le regole umanitarie e le disposizioni dello Stato e arrivando ad assicurare la sua costante vigilanza, anche al di fuori delle competenze da sindaco, utilizzando la sua esperienza di tre anni in Africa proprio nell’ambito della sicurezza.

Tutto è andato per il meglio e, a distanza di appena un anno, questi ragazzi si sono integrati perfettamente tra i cittadini di Vico, diventando piuttosto una risorsa per il paese. L’estate scorsa, ad esempio, sono scesi in campo per aiutare il sindaco e i membri della protezione civile nello spegnimento dell’incendio che per un mese ha letteralmente distrutto migliaia di ettari di montagna e la Monna, la caratteristica cima che sovrasta il paese. Sempre in estate, i richiedenti asilo si sono trasformati in raccoglitori di asparagi, venduti poi ad abitanti e turisti.

Il Comune di Vico ha inoltre utilizzato in pieno la parte del decreto Minniti che prevede la possibilità per i profughi di fare del volontariato, a fronte di un rimborso allo stesso ente municipale. Questi giovani sono stati così impegnati nella pulizia delle strade e nella potatura di piante ed alberi, con grande beneficio per la preservazione del borgo medievale. Ma, questi ragazzi sono stati visti anche portare in spalla le statue dei santi per le processioni religiose o portare la corona al monumento ai Caduti durante la celebrazione del 4 novembre. Alcuni di loro fanno parte anche delle squadre di calcio del paese, sia di quella che milita in seconda categoria che quella della categoria juniores. I risultati anche sportivi in entrambi i casi sono ottimi.

L’integrazione dei richiedenti asilo è gestita dall’associazione “Integra Onlus”, nata nel 2002 e che in tutto il Lazio ospita circa 125 giovani in 4 comuni. La gente di Vico si è affezionata a questi ragazzi e loro a Vico e più di qualcuno ha già manifestato l’intenzione di voler restare proprio in questo paese. Spostandosi ad Alatri, dove un incontro casuale tra i migranti ospitati in città e un gruppo di giovani volontari ha portato nel giro di pochi mesi alla costituzione di una nuova associazione, chiamata “Asterione”, che ha deciso di fare dell’integrazione e della solidarietà il proprio manifesto.

Non poche sono state le difficoltà riscontrate in questo nuovo approccio ai tabù del fenomeno migratorio, prima fra tutte la comunicazione; da qui la decisione di dedicare il primo progetto all’insegnamento della lingua italiana. Le lezioni sono cominciate in via del tutto informale, grazie alla collaborazione di studenti universitari e no, che su base volontaria, hanno messo a disposizione le proprie conoscenze e utilizzato i pochi mezzi reperibili. L’entusiasmo con cui i migranti hanno accolto questa iniziativa ha dato il via a un grande flusso di idee, che “Asterione” si ripropone ora di realizzare: dalla creazione di laboratori artigianali e artistici che possano impegnare i migranti e valorizzare le loro capacità, all’inserimento nelle varie attività sportive presenti sul territorio, alla musica e al teatro come fondamentali mezzi di espressione, fino alle interviste per raccontare le storie d’oltremare.



Nessun commento

Articoli per mese
Tag
Presepi WeCa Missionaria Video Suore Comunità Adoratrici Radio Ospedale Casa In Trinità Festa Parrochie Esercizi Riposo Piglio Famiglia Vallepietra Alatri Vocazioni Consiglio Dialogo Gismondi Sito Pace Fatima Avoli Lavoro Giornata Giorgio Crucis Eremita Convegno S.Sisto Avvenire Istituto Damiano Etiopia Operatori Quaresima Programmazione anni Lorenzo Lisi Uno Ricordo Milani Fidei Diocesani Formazione Sisto Francesco Cultura Santuario Vescovo Clarisse Tagliaferri Vocazionale Lavori Pietro Loppa Torre Servizio San Anniversario Unitalsi Lettera Crismale Fiuggi Veglia Cammino Facchini nel Rossa Arte Leone Via Vico Pellegrino Professione Fraternità 75 Terremoto Concorso IRC Ludovici Teologico Catechisti Peregrinatio Beato Pellegrinaggio Santucci Vita InDialogo Conti Scuola Giovani Trisulti Rose Suor Natale Marcia Madoona Donum della Donna Migranti Spirituale Trivigliano Catechesi Diocesano Cattolica Pasqua Chiesa Santo Crocifisso Ragazzi Filettino Clausura Ruanda Spirituali Annuario Papa Oratorio Apertura Cattedrale Inizio Mostra Auguri Parrocchia Adorazione Ritiro Insiele Sanctis Pellegrinaggi Compagnie Scolastica Leoniano Francescana Nazionale Don Civile Pastorali Religiose Santiago Missione Presepe Animatori Trevi Estate Vivente Argentina Cristo Lourdes Onlus Celestino Andrea Carità Passione Policoro Confraterite Educazione Memoria Croce XIII Integrazione Ufficio Ecumenismo Belloli Comunicazioni Azione Carpineto Monache Pitocchi Solenne Morolo Osservatorio Messaggio Messa Cripta Unità Lazio Pastorale Parrocchie Studenti Insegnanti Anagni Stranieri Caritas Apparizione Madonna Unesco Anziani Diocesi Monasteri Missioni Fidanzati Carlotta De Venerdì Agostino Religione Tecchiena Anno Uffici Confraternite Sociali
a cura dell'Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali
Torna ai contenuti | Torna al menu