Gli insegnanti di religione, «testimoni entusiasti» - Vita di Comunità - Diocesi di Anagni-Alatri

Anagni Alatri
Diocesi di Anagni-Alatri
Diocesi
-
di
i nostri social
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli insegnanti di religione, «testimoni entusiasti»

Diocesi di Anagni-Alatri
Pubblicato da in Uffici Diocesani ·
Tags: ScuolaInsegnantiReligioneIRCFormazione
Ha preso il via a Fiuggi, presso il centro pastorale, il percorso formativo per gli insegnanti di religione e per tutti i docenti cattolici comunque interessati a partecipare. Tutti gli incontri saranno tenuti da alcuni docenti qualificati dell’Istituto Teologico Leoniano di Anagni e verteranno sul tema: «Dialogo ecumenico e proposte per l’Irc».

A questo primo incontro erano presenti tra gli altri il vescovo Lorenzo Loppa; Maria Pia Ippoliti, direttrice dell’ufficio scuola; Filippo Carcione, direttore dell’Istituto Teologico Leoniano e don Antonio Galati, che ha tenuto la conferenza. Maria Pia Ippoliti ha illustrato il programma di formazione per l’anno scolastico 2017/2018, ricordando quanto sia importante «La formazione, ma anche la partecipazione alla vita diocesana, in particolar modo per i docenti di religione che più di altri devono sentire l’insegnamento come una vera missione».

Il vescovo Loppa ha invitato tutti gli insegnanti a essere «una vigna che non delude, uomini e donne che lavorano nella scuola e per la scuola, dando esempio di umanità, mostrando di avere fiducia nel futuro e nella vita, testimoni competenti ed entusiasti dell’amore di Dio». Tutti concetti peraltro bene espressi anche nell’ultima Lettera pastorale La fede sconfigge la paura, concentrato dell’amore e della passione che Loppa ha per la scuola e per i bambini, i ragazzi e gli adolescenti che trascorrono gran parte delle loro giornate in questo ambiente «che deve essere un laboratorio di vita, di umanità e di trasmissione di certezze e di valori».

L’incontro è proseguito con l’intervento di Antonio Galati, sacerdote della diocesi di Velletri-Segni che ha relazionato su «Il magistero del Concilio Vaticano II sulle confessioni cristiane», sviluppando la relazione su due punti fondamentali. Nella prima parte, il sacerdote ha illustrato l’insegnamento del Concilio sul rapporto con le confessioni cristiane e sul dialogo ecumenico, soffermandosi sugli atteggiamenti e sui processi ecumenici che emergono dal decreto sull’ecumenismo Unitatis redintegratio, ricordando che per tali argomenti, testo unico per tutti i fratelli cristiani è la Scrittura. Interessanti gli spunti di riflessione che arrivano da questa e dal magistero, che portano ad affermare che l’unità dei cristiani è dovuta al Battesimo e che i cristiani sono fratelli e sorelle anche se appartenenti a confessioni diverse. Dai testi del concilio, in particolare anche dalla Lumen gentium, emerge il ruolo fondamentale del battesimo e le sue conseguenze, quando è validamente celebrato nel nome della Trinità, come partecipazione alla morte e risurrezione di Cristo. Il tutto in forza, tra l’altro, di quanto Paolo afferma in particolare nella lettera agli Efesini: «Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo». Dalle citazioni bibliche e dal magistero conciliare, emerge un’indicazione chiara, ovvero che il battesimo, quando è celebrato validamente, inserisce il battezzato, come membro vivo, nel Corpo di Cristo, sottolineando prima di tutto non ciò che divide, ma ciò che unisce e rende uguali nella parità cristiana. Il battezzato appartiene a pieno titolo alla comunione ecclesiale, questo dunque, sottolinea e ricorda che esiste un’unità ontologica che dipende dal Battesimo e che nonostante le diverse divisioni, non intacca l’unità di fondo tra tutti i cristiani.

Nella seconda parte, invece, Galati ha proposto alcuni argomenti che possono essere sviluppati durante le lezioni di religione cattolica. Sempre la Unitatis redintegratio propone un elenco di atteggiamenti e processi per porre in essere l’ecumenismo e che riguardano anche le norme della convivenza civile, come il rispetto dell’altro e il superamento delle ostilità.



Nessun commento

Articoli per mese
Tag
Formazione In Peregrinatio Comunicazioni Lazio Cattedrale Missionaria Pellegrinaggio Fidei Carpineto Santo Carlotta Ospedale Ecumenismo Donna Suor Vocazionale Esercizi Anno Religione Messa Santiago Adoratrici Cripta Filettino Suore San Nazionale WeCa Crucis Uno Osservatorio Giorgio Solenne Marcia Teologico Ricordo Chiesa Pellegrino Loppa Consiglio Diocesi Unitalsi Migranti Lorenzo Madoona Uffici Anziani Comunità Fraternità Arte Alatri Estate Oratorio Civile Crismale Quaresima Anagni Animatori Celestino Spirituali Vita Torre Lavori Damiano Belloli Religiose Trivigliano Pitocchi Ludovici IRC Argentina Avoli S.Sisto Vocazioni Azione Sanctis Missione Memoria Parrocchie Crocifisso XIII Unità Papa Riposo Milani Monasteri Pasqua Unesco Mostra Messaggio Ufficio Via Annuario Morolo Carità Rose Leoniano Francescana Leone Fidanzati Servizio Trinità Lourdes Avvenire Terremoto Pietro Fiuggi Ragazzi Sociali Eremita Scolastica Piglio Festa De Compagnie Beato Spirituale Scuola Passione Apertura Ritiro Integrazione Francesco Inizio Famiglia Adorazione Vescovo Lettera Madonna Vallepietra Policoro Presepi Natale anni Onlus Apparizione Gismondi Anniversario Istituto Giovani Studenti Cammino Donum Agostino Lisi Veglia Clarisse Catechisti Vico Pace Rossa Etiopia Ruanda Insegnanti Tagliaferri nel Operatori Auguri Cristo Diocesani InDialogo Parrocchia Croce Programmazione Sito Cattolica Trisulti Cultura Missioni Tecchiena Concorso Clausura Santuario Video Stranieri Caritas Professione Facchini Vivente Convegno Presepe della Trevi Lavoro Conti Casa Pastorale Pellegrinaggi Catechesi Radio Santucci Pastorali Confraternite Parrochie 75 Andrea Giornata Confraterite Insiele Fatima Educazione Venerdì Sisto Don Dialogo Diocesano Monache
a cura dell'Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali
Torna ai contenuti | Torna al menu