Torre - Vita di Comunità - Diocesi di Anagni-Alatri

Anagni Alatri
Diocesi di Anagni-Alatri
Diocesi
-
di
i nostri social
Vai ai contenuti

Menu principale:

Presepe vivente, la tradizione si rinnova

Diocesi di Anagni-Alatri
Pubblicato da in Tradizioni ·
Tags: PresepeViventeTorre
Sono due gli appuntamenti da non perdere a Torre Cajetani con il caratteristico presepe vivente, giunto alla 17esima edizione: il 30 dicembre e il 5 gennaio, sempre alle 17.30. Nel caratteristico borgo, facilmente raggiungibile dalla statale che unisce Alatri a Fiuggi, tutto è pronto per rinnovare una tradizione curata dalla Pro loco, con il contributo del Comune e della regione Lazio.

Il presepe partirà da Porta Garibaldi, in quel centro storico di Torre che, con i suoi vicoli e scorci incantevoli, anche questa volta donerà alla sacra rappresentazione un’atmosfera a dir poco suggestiva e di raccoglimento, che permetterà di cogliere anche l’essenza del presepe. Il percorso, che si snoderà dunque attraverso le stradine e le piccole piazze, terminerà nella parte alta del paese, nel castello Caetani che fu di papa Bonifacio VIII, per l’occasione aperto al pubblico.

«Si tratta di un appuntamento interessante anche per riscoprire le tradizioni e i prodotti locali legati alla cultura contadina – si legge in una nota della Pro Loco –. Il nostro presepe vivente parla e racconta di fatti e persone. Le cantine e le piazze illuminate esclusivamente da fiaccole e fuochi verranno addobbate con materiali appositamente ricostruiti e solo con prodotti poveri ed antichi. Al mercato si barattano le merci, si vendono i prodotti degli artigiani che sono all’opera nelle botteghe, mentre i pastori accudiscono gli animali (veri) e si scaldano ai falò. I soldati romani sovrintendono al censimento e sono a guardia del palazzo reale e di tutta la nobile corte», inoltre «sarà possibile incontrare artigiani al lavoro e attorno al fuoco: i falegnami, fabbri, lanaioli, agricoltori e tanti altri. Una piccola sosta nelle varie postazioni e cantine per assaggiare i prodotti locali, come ricotta calda, vin broulè, miele, bruschetta ed infine un piatto di pasta e fagioli, dopo aver visitato il castello e il palazzo di Erode, che dall’alto vigila sul borgo. Accompagnati dai pastori si giungerà infine alla capanna della Natività che sarà sistemata all’interno del Castello».



Articoli per mese
Tag
Quaresima Andrea Azione Missioni Giorgio Confraterite Gismondi Trivigliano Programmazione Cattolica Santo Arte Migranti Lourdes Adorazione Pace Fidanzati della Catechesi Esercizi Clausura Cammino Cripta Solenne Fidei Messa nel Teologico Natale Parrocchie XIII Animatori Madoona Ritiro Parrochie Presepe Studenti Agostino Facchini Rossa Trisulti Francescana Pellegrino anni Educazione Morolo Via Concorso Alatri Rita Pitocchi Dialogo Tecchiena Consiglio Pastorale Diocesani Fatima Santuario Cultura Bullismo Lavoro Carlotta Francesco Damiano Monache Auguri InDialogo Ruanda Etiopia Venerdì Integrazione Pellegrinaggio Leone Parrocchia Ecumenismo Ufficio Caritas Unità Papa Giovani Diocesi Crocifisso Carità Sisto Riposo Ricordo Chiesa Scolastica Anno Ragazzi In Avvenire Ludovici Apparizione Religiose Giornata Sito Pastorali Filettino IRC Belloli Leoniano Tagliaferri Passione Donum Carpineto Radio Spirituali Veglia Estate S.Sisto Spirituale Milani Religione San Ospedale Lisi Vallepietra Anniversario Loppa De Pellegrinaggi Insiele Inizio Operatori Civile 75 Madonna Santiago Adoratrici Cattedrale Onlus Uno Pasqua Lettera Collepardo Uffici Unesco Peregrinatio Donna Marcia Argentina Confraternite Torre Lazio Mostra Convegno Diocesano Osservatorio Lavori Anagni Vita Presepi Comunicazioni Memoria Sociali Policoro Vico Video Pietà Conti Cristo Croce Catechisti Annuario Vocazioni Anziani Vivente Don Missione Fiuggi Missionaria Celestino Suore Beato Formazione Rose Servizio Avoli Scuola Lorenzo Eremita Trinità Unitalsi Vocazionale Crismale Compagnie Crucis Pietro Festa Stranieri Polizia Insegnanti Elezioni Nazionale Oratorio Fraternità Casa Apertura Suor Clarisse Santucci Monasteri Famiglia Comunità WeCa Istituto Professione Sanctis Messaggio Terremoto Vescovo Piglio Trevi
a cura dell'Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali
Torna ai contenuti | Torna al menu