Terremoto - Vita di Comunità - Diocesi di Anagni-Alatri

Anagni Alatri
Diocesi di Anagni-Alatri
Diocesi
-
di
i nostri social
Vai ai contenuti

Menu principale:

«Una Quaresima di carità al fianco dei terremotati»

Diocesi di Anagni-Alatri
Pubblicato da in Vescovo ·
Tags: VescovoLoppaQuaresimaCaritàTerremoto
Anche quest’anno il messaggio del vescovo Lorenzo Loppa, diffuso nel mercoledì delle Ceneri, accompagna i fedeli della Diocesi di Anagni–Alatri in questo tempo di Quaresima. “La Parola apre gli occhi” è il titolo del messaggio, richiamo immediato a quello di Papa Francesco e subito spiegato dalle prime parole: “Per aprire il cuore e gli occhi non c’è bisogno di miracoli e di visioni. Basta la Parola di Dio, e il suo ascolto disinteressato, per guardare la vita con occhi rinnovati e riconoscere negli altri un dono che ci consegna la presenza di Gesù Cristo. Per aprire gli occhi non servono visioni. Bastano gli orecchi”.
Quello che viene richiesto, sottolinea il presule, è “un vero cammino di conversione, un autentico catecumenato spirituale per riscoprire le esigenze della nostra appartenenza al Regno e le nostre responsabilità davanti al dono del Battesimo.
Sappiamo che tutta la Quaresima punta alla Veglia pasquale e gli elementi di questo cammino di trasfigurazione sono la preghiera, il digiuno e la misericordia. Papa Francesco nel suo messaggio sottolinea, però, la centralità e l’importanza della Parola di Dio che, in questo periodo, siamo invitati ad ascoltare e meditare con maggiore assiduità”.
Loppa fa poi riferimento alla parabola scelta proprio dal Pontefice: quella dell’uomo ricco “distratto” e del povero Lazzaro, e argomenta: “Il primo tempo della parabola presenta i due personaggi principali e la loro vita su questa terra. La morte, uguale per tutti e due, introduce il secondo tempo e descrive la loro esistenza nell’aldilà. La prima scena descrive il povero in maniera molto dettagliata: la sua condizione è disperata, ha bisogno di tutto e di tutti, giace alla porta del ricco, nessuno si cura di lui, solo i cani vengono a leccare le sue ferite. E’ in una condizione di degrado assoluto. Ma è l’unico personaggio delle parabole lucane che ha un nome, Lazzaro, che significa “Dio aiuta”. E’ un personaggio che assume anche un volto, ha una storia, è un essere amato da Dio. Non è un ingombro fastidioso, ma è un appello a convertirsi”.
Da qui l’ulteriore, pressante richiamo: “La Quaresima è tempo propizio per aprire la porta ad ogni bisognoso e riconoscere in lui il volto di Cristo”, prima di entrare nella seconda parte della parabola che “presenta la vita oltre la morte e ci assicura che non si può essere amici di Dio nell’eternità, se ci si è dimenticati dei propri fratelli nella miseria. La morte fa da trampolino al ribaltamento delle situazioni: Lazzaro siede alla tavola del banchetto; il ricco se ne sta fuori nei tormenti. Egli non soffre perché è stato ricco né Lazzaro è felice solo perché è stato povero. E’ il cuore che ha deciso.”.
E allora, qual è il vero problema del ricco e, di convreso, di tutti noi che non riusciamo a fare di Dio il baricentro della nostra vita? “La radice di tutti i mali – indica Loppa – è il non prestare ascolto alla Parola di Dio; questo porta a non amare più Dio e quindi a disprezzare il prossimo. La Parola di Dio è una forza viva, capace di suscitare la conversione nel cuore degli uomini e di orientare nuovamente la persona a Dio”.
Il vescovo di Anagni–Alatri invita inoltre a fare anche di questa Quaresima un tempo per continuare “a portare avanti l’impegno del Giubileo della Misericordia.
Allora, attenzione, affetto e generosità totali verso le famiglie in difficoltà per mancanza di casa, di pane, di lavoro, di salute, di concordia; verso bambini, ragazzi e giovani nel nostro impegno di educarli con un’attenzione particolare alla Scuola e a tutti coloro che vi operano; verso i fratelli e sorelle stretti nella morsa del terremoto e del gelo di questo inverno particolarmente arcigno e impietoso”.
E proprio qui, da ultimo ma non per ultimo, mons. Loppa ricorda che “per quanto riguarda la nostra Diocesi, invito tutti a mettere a disposizione della Chiesa di Rieti e del suo vescovo Domenico Pompili, il frutto della “Quaresima della carità”, come gesto concreto e visibile della nostra conversione e della nostra fraternità”.



Articoli per mese
Tag
Stranieri Avvenire Ruanda Anniversario Carlotta Veglia Polizia Rita Giornata Passione Messaggio Radio Fatima Vivente Missione Famiglia Diocesani Avoli Ospedale Agostino Presepe della Oratorio Via Anno 75 Insegnanti Ritiro Ludovici Uffici Clausura Giovani Trinità Pietà Don Leoniano Facchini Marcia Etiopia Memoria Santuario Estate Civile Natale Spirituali Rose Vico WeCa Missionaria Andrea Catechisti Unesco Fraternità Confraterite Crucis Carità Chiesa Eremita Bullismo Osservatorio Rossa Pitocchi Morolo Sociali Crocifisso Vocazionale Peregrinatio Cultura Monache IRC Monasteri Studenti Pellegrino Lourdes Pace Lazio Confraternite Parrochie Tecchiena Consiglio Unitalsi Vita Fidanzati Comunicazioni Uno Clarisse Trevi Catechesi In Nazionale Inizio Parrocchia Madoona Carpineto Lorenzo Esercizi Sito Trivigliano Diocesano Riposo Annuario Vescovo Istituto Papa nel Collepardo Sanctis Quaresima Madonna Anziani Onlus Casa Vallepietra San InDialogo Diocesi Terremoto Suore anni Convegno Giorgio Anagni Scolastica Elezioni Cripta Azione Animatori Alatri Torre Argentina Cammino Teologico Pellegrinaggio Lisi Sisto Pastorale Suor Donna Leone Pastorali Ufficio Missioni Video Messa Policoro De Fiuggi Santiago Crismale Milani Venerdì Celestino Tagliaferri Apertura Vocazioni Programmazione Pellegrinaggi Fidei Apparizione Beato Gismondi Dialogo Spirituale Cattolica Concorso Migranti Educazione Professione Pietro Comunità Adoratrici Lavori Filettino Lavoro Parrocchie Presepi Trisulti XIII Integrazione Donum S.Sisto Loppa Operatori Croce Caritas Santucci Conti Damiano Ricordo Solenne Cristo Adorazione Insiele Scuola Unità Auguri Cattedrale Lettera Mostra Arte Formazione Religiose Religione Piglio Belloli Francescana Santo Ragazzi Compagnie Festa Servizio Ecumenismo Francesco Pasqua
a cura dell'Ufficio Diocesano per le Comunicazioni Sociali
Torna ai contenuti | Torna al menu