Cerca
Close this search box.

Il vescovo a Trevi nel Lazio: «Anche da qui si può contribuire a costruire un mondo migliore»

19 Dicembre 2023

Il vescovo a Trevi nel Lazio: «Anche da qui si può contribuire a costruire un mondo migliore»

Nella mattinata di domenica 10 dicembre il vescovo Ambrogio Spreafico si è recato a Trevi nel Lazio per incontrare la vivace comunità di questo paese di antiche e solide tradizioni e radicamento nella fede.

Accolto dal parroco don Pierluigi Nardi e dalle autorità cittadine, con il sindaco Silvio Grazioli e il comandante della locale stazione dei Carabinieri,  monsignor Spreafico ha celebrato nella chiesa parrocchiale, davanti a molti fedeli con i quali poi si è intrattenuto anche al termine del rito.

Nel corso dell’omelia, il vescovo Spreafico, rifacendosi alle letture del giorno, ha detto tra l’altro: «L’Avvento non è solo attesa, ma anche preparazione. E noi siamo chiamati a preparare la strada a Gesù, in un mondo che spesso è un deserto di umanità, di simpatia, di gentilezza, di armonia, in cui ognuno va per conto suo e tutti hanno fretta; in questi giorni prima di Natale, tutti siamo anche un po’ nevrotici, si va di qua e di là, in corsa per i regali. Possedere non ha mai salvato nessuno, i ricchi non sono mai contenti».

L’invito del vescovo è stato dunque quello «a imparare a raddrizzare le cose storte volendoci bene, impariamo ad aiutare gli altri, a costruire un mondo di amici, di fratelli e di sorelle. Preparare la strada vuol dire dare aiuto, amicizia, consolazione agli altri. Noi possiamo essere aiuto e consolazione gli uni per gli altri, possiamo fare molto, là dove siamo, non siamo insignificanti: anche se siamo a Trevi nel Lazio possiamo contribuire a costruire un mondo migliore. I cristiani sono una forza di coesione e di amore. E voi, di questa comunità, siete un segno di amore».

Il vescovo ha insistito molto anche sulla necessità dell’ascolto: «Ascoltarsi è il primo modo di vivere insieme, ma per ascoltare l’altro devi avere pazienza». E quindi della preghiera «che è la prima forza».

Dopo la Messa, come detto, il vescovo si è intrattenuto con gli operatori pastorali che Trevi nel Lazio seguono in particolare la catechesi, la liturgia e la Caritas parrocchiale, dando loro ulteriori spunti di riflessione per il prosieguo del cammino pastorale.

Igor Traboni

*******

Ti potrebbe interessare

Anagni: la Cripta di San Magno, quel restauro e altri tesori della Cattedrale

Leggi tutto

Un libro, una professione perpetua e un roseto nel segno di Madre Claudia De Angelis

Leggi tutto

La Giornata dei giovani e quello zaino da riempire con l’essenziale…

Leggi tutto

Ad Alatri e Anagni due strutture per il “dopo di noi”

Leggi tutto

Prepararsi alla maturità, con un desiderio nel cuore. A Fiuggi 50 giovani da tutto il Lazio

Leggi tutto