Cerca
Close this search box.

Le parole del vescovo Ambrogio alla veglia di Alatri per Thomas

19 Dicembre 2023

Le parole del vescovo Ambrogio alla veglia di Alatri per Thomas

Erano davvero tanti i giovani che si sono ritrovati giovedì sera ad Alatri per partecipare alla veglia di preghiera per Thomas e le altre vittime delle violenze, voluta dalle parrocchie cittadine  e tenutasi proprio al “Girone”, laddove il diciannovenne è stato ucciso da mani rimaste ancora ignote. Guidata dal vescovo Ambrogio Spreafico, la veglia è iniziata con un primo momento di silenzio e quindi con l’accensione dei lumini che hanno illuminato quel luogo reso buio dalla violenza umana. Il silenzio, che in questi casi si definisce “irreale”, è stato invece reale e “assordante”, con i ragazzi assorti nella preghiera e nella riflessione, ascoltando il Vangelo delle beatitudini e poi le preghiere lette da alcuni coetanei, alla presenza dei parroci di Alatri e di altri sacerdoti della diocesi, del papà e di altri familiari di Thomas, del sindaco Cianfrocca. E il silenzio si è fatto ancora più carico di partecipazione  nell’ascoltare la riflessione del vescovo Spreafico:  «Quando si è insieme si accetta di incontrarci e si diventa amici – ha esordito il presule – E l’amicizia è un grande dono nella vita; talvolta noi la togliamo agli altri, qualche volta la regaliamo, ma è sempre meglio non toglierla l’amicizia perché toglie un pezzo della vita a un uomo, a una donna, a un giovane, a un vecchio che hanno bisogno di te, perché noi abbiamo bisogno degli altri. E lo stiamo forse scoprendo, in maniera così inaspettata, proprio davanti alla morte violenta del nostro caro amico Thomas, lo stiamo scoprendo come lo scoprirono Maria e Giovanni, sotto la croce, perché davanti al dolore si possono fare tante scelte». E qui Spreafico ha richiamato il passaggio del Vangelo «di quei due appesi alla croce come Gesù: uno lo malediceva, e questo è comprensibile quando uno soffre, mentre l’altro pronuncia parole quasi strane, una preghiera: Gesù ricordati di me quando entrerai nel tuo regno. E’ una preghiera di speranza, perché quell’uomo nella sofferenza e davanti a un sofferente come lui e con la morte che sarebbe arrivata poco dopo, spera nella vita, ci crede, sa che la sua vita non finirà del tutto con la morte; sono parole di speranza che fanno guardare al futuro».

Come già in occasione del funerale di Thomas, il vescovo ha quindi invitato i giovani a non rassegnarsi, a non rimanere indifferenti: «Non possiamo dire: tanto il mondo è così, io che c’entro? No, noi ci entriamo perché davanti alla violenza che si abbattuta sul vostro e nostro caro amico non possiamo rimanere indifferenti, e siamo qui perché abbiamo scelto di non esserlo. E allora vorrei che il nostro essere qui ci aiutasse a riscoprire che abbiamo bisogno gli uni degli altri. Papa Francesco dice spesso che non ci si salva da soli, è questo è vero perché abbiamo bisogno di aiutarci, di darci speranza, di guardare al futuro insieme, di costruirlo, perché il futuro non si costruisce da solo e non lo costruiscono neanche solo i grandi della terra, ma si costruisce insieme, e voi ne siete responsabili quanto noi», ha rimarcato Spreafico sempre rivolto ai giovai presenti e ai tanti collegati sul sito internet e sui social della diocesi. «E’ bello essere insieme – ha ripreso il vescovo – ma oggi tante svolte si scappa dagli altri, scegliamo la solitudine, magari di essere connessi a distanza, ma oggi siamo connessi nella vita e dobbiamo rispondere alla violenza con l’amicizia,  guardando sempre nel cuore dell’altro. E allora vorrei che questo fosse un momento che continua: mi piacerebbe rivederci un’altra volta per parlare, ascoltarci, per dirci anche quanto è difficile talvolta costruire con gli altri un futuro di pace in un mondo guerrafondaio come il nostro. Grazie perché la vostra presenza è un dono per questa città, per questa terra, per il mondo intero, perché avete scelto di dire no alla violenza e davanti a Thomas e di promettere in tanti: noi vogliamo costruire un mondo pacifico, eliminando tutto quello che ci separa, dandoci la mano, abbracciandoci l’un altro. E la preghiera che quell’uomo crocifisso fece è anche la nostra la preghiera, che  dà speranza, fa guardare all’altro. Possiamo rendere il mondo pacifico con il nostro impegno, la nostra vita le nostre parole».

Igor Traboni

*******

Ti potrebbe interessare

La Giornata dei giovani e quello zaino da riempire con l’essenziale…

Leggi tutto

Ad Alatri e Anagni due strutture per il “dopo di noi”

Leggi tutto

Prepararsi alla maturità, con un desiderio nel cuore. A Fiuggi 50 giovani da tutto il Lazio

Leggi tutto

“Questa è casa tua”: famiglie in festa con l’Azione Cattolica

Leggi tutto

Giornata dei giovani: all’Acquapark con il vescovo Ambrogio

Leggi tutto