Venerdì 10 giugno presso l’oratorio “Pier Giorgio Frassati” di Anagni si è tenuta la festa di benvenuto per i giovani ucraini. I ragazzi della parrocchia di Sant’Andrea in Anagni, capitanati dai loro catechisti e con l’aiuto dei sacerdoti responsabili della pastorale, hanno organizzato un incontro per conoscere e stare insieme ai loro coetanei ucraini. Alle 18 i ragazzi si sono ritrovati in oratorio, dando così inizio alla festa con balli e giochi. Dopo la cena insieme alle famiglie ucraine, grazie alla presenza di una interprete c’è stato spazio per le testimonianze, ricche di emozioni e commozione tra tutti i partecipanti. Tante le domande proposte sulle condizioni di vita che gli ucraini stanno vivendo in questo periodo di guerra. I più piccoli hanno voluto sapere come i loro coetanei vivono, domandando soprattutto che realtà si trovano a fronteggiare ora che c’è la guerra. Tra i racconti commossi delle mamme ucraine, il loro disdegno rinnovato per questa lotta che sembra non lasciar loro pace.

Le famiglie presenti ad Anagni sono composte soprattutto da donne e bambini, perché i maschi se maggiorenni sono rimasti a combattere per salvare la loro terra. Un pensiero e una dedica speciale va a chi non c’è più, ai bambini che si sono trovati da un giorno all’altro senza un padre o un nonno. Altre testimonianze hanno riferito di nuclei familiari che abitano in luoghi differenti: alcuni in Russia, altri in Ucraina divisi anche da un pensiero divergente sull’argomento “guerra”. Infatti, i primi sono convinti di poter conquistare i secondi con ogni mezzo, nonostante nelle loro vene scorra lo stesso sangue.

Il ringraziamento commosso è arrivato da queste famiglie che sentono l’Italia come posto sicuro e accogliente, ma presto vorranno tornare a casa per ricostruire un Paese che non c’è più, sia nei posti fisici che in quelli ideali. Per i giovani della parrocchia di Sant’Andrea e per i molti genitori presenti, questa esperienza non verrà dimenticata facilmente, perché in prima persona hanno sentito con le proprie orecchie cosa sta veramente accadendo nel mondo. E allora sarà inutile continuarsi a lamentare per la mancanza di videogiochi se ai loro coetanei manca una casa, ma ancora di più manca la libertà di un vivere quotidiano.

Carlo Cerasaro

Condivisione Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.