Giovedì 21 marzo gli alunni della classe 2 media di Trivigliano, accompagnati dai docenti Valentina Cardinale, Agostina Agostini e Gabriele Ritarossi, hanno visitato il Centro diocesano Caritas “l’altra spesa “ e vissuto una mattinata di volontariato, sistemando il cibo organizzando gli scaffali dell’emporio e ascoltando l’intervento del direttore Caritas diocesano Piergiorgio Ballini.

I ragazzi hanno potuto riflettere sull’importanza della solidarietà e dell’aiuto al prossimo, soprattutto in questo tempo di Quaresima e di carità e considerando che la nostra diocesi, su indicazione del vescovo Ambrogio Spreafico, ha impostato questo periodo forte dell’anno liturgico proprio su una Quaresima di carità.

Erano presenti anche alcuni ragazzi del Servizio civile e dell’Unitalsi che si sono uniti in una mattinata di relazioni umane e di lavoro. L’iniziativa è stata inserita nel percorso di educazione civica dalle discipline di Lettere e Religione cattolica della scuola. I ragazzi sono stati poi raggiunti anche dal parroco di Trivigliano don Rosario Vitagliano.

Al termine della mattinata, Piergiorgio Ballini ha così dichiarato: «Credo che in una società dove si è proiettati verso l’IO, in una società dove i bambini, gli adolescenti sono sempre più attratti da un mondo virtuale e asettico, una delle strade da percorrere insieme sia quello del servizio. Saper alzare lo sguardo verso il prossimo, avere la voglia di sporcarsi le mani e mettersi a disposizione di una società che ha bisogno di attenzione, amore e ascolto. Il servizio nella Caritas fa riscoprire il dono della gratuità … è bello donare senza aspettative… è bello scoprire che il messaggio che il mondo oggi vuole darci, che non si fa niente per niente non sia affatto vero! Grazie alla scuola media di Trivigliano e ai docenti che hanno voluto questa iniziativa creando una relazione e una rete con gli insegnanti e la scuola che è importante costruire. Giovedì è stato fatto il primo passo».

Nelle foto, alcuni momenti della giornata

Condivisione Social

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *